BARCA ACCESSIBILE

Anche quest’anno lo storico progetto della “Barca Accessibile” ha solcato il mare, regalando giornate di gioia e serenità ai suoi partecipanti. Più di 30 uscite sulla Primo Pensiero, tra giornate di pesca e minicrociere, organizzate dall’associazione Sport Insieme Onlus e dedicate sia agli invalidi del lavoro ,grazie alla partnership con Inail che va avanti ormai da otto anni e sia ai ragazzi dell’associazione Amici della Zizzi e del centro estivo Parco del Mulino. L’esperienza di quest’anno è stata ancor più ricca di significato con il coinvolgimento di Silvia, Fedele e Chiara, ragazza affetta da sclerosi multipla che da venti anni non aveva avuto più la possibilità di vivere il mare in libertà. Ma l’impegno dei volontari di Sport Insieme Onlus ha compiuto un piccolo capolavoro: “Salire sul Primo Pensiero _ commenta la famiglia della ragazza _ è stato per Chiara una vera rivoluzione; di nuovo dentro il mare. Una volta rientrati a casa ci ha detto: ‘Dopo 20 anni ho risentito il sapore del sale sulle labbra’. E’ stata una gioia immensa per lei e per tutti noi che le stiamo intorno”. Emozioni che descrivono perfettamente lo spirito dell’iniziativa, come ribadisce anche il presidente di Sport Insieme, Claudio Rigolo: “In questi ultimi anni _ spiega Rigolo _ ci siamo immersi in una serie di attività che rendono le persone più libere, più felici, più autonome. Abbiamo condiviso con loro esperienze uniche nel segno di inclusione, fratellanza, partecipazione. La nostra più grande gratificazione _ dice il presidente rivolgendosi direttamente alle persone che hanno partecipato alle uscite in barca _ è quella di aver potuto condividere momenti indimenticabili insieme a voi, regalandoci emozioni condivise, che hanno toccato le corde della nostra anima. Siamo e saremo sempre con voi, in qualunque modo vogliate essere al nostro fianco”.